Tag: grossi

Totò Grossi: “Voglio ripagare la fiducia del club”

Un’altra stagione a Melzo anche per Totò Grossi, esperto bomber di categoria i cui numeri parlano per lui: 103 gol nelle ultime sei stagioni, di cui le recenti due mai completate causa Covid.

“Ho deciso di rimanere perchè mi sento in debito con la società, il presidente Lamberti e Bruna. Mi hanno sempre trattato come un Principe, voglio ripagarli per tanta stima”, dice.

“Ho ancora l’amaro in bocca per la passata stagione, durata solo quattro partite di campionato con una squadra che, secondo me, era forte e poteva crescere molto bene – racconta Grossi -. Dentro me è sempre acceso il fuoco della passione, mi sento come un carrarmato un po’ arrugginito perchè fermo da tempo, ma che al primo colpo è pronto a ripartire”.

A Melzo, in Seconda Categoria, si ripartirà con un nuovo staff tecnico: “Mister Forcisi mi ha colpito fin da subito. E’ un tecnico preparato, di poche parole e soprattutto ha voglia di far ripartire quel carrarmato che è Totò Grossi, dicendomi che è una scommessa anche per lui. Chiudo con due parole su mister Milazzo, lo ringrazio per la tutto il tempo che mi ha dedicato e soprattutto per la fascia da capitano che l’anno scorso mi ha consegnato”.

PRIMA SQUADRA – Verso la Coppa, Totò Grossi: “Ogni gara come una finale”

Domenica 13 settembre inizia finalmente la stagione 2020/2021 del rinnovatissimo Melzo, col debutto in un match ufficiale.

La squadra di mister Milazzo, infatti, è attesa sul campo di Cassina de’ Pecchi ospite dell’Aureliana, per la prima giornata della fase a gironi della Coppa Lombardia.

A guidare l’attacco biancazzurro ed i compagni, l’esperto Totò Grossi, uno che ha già alzato più di una volta in carriera questo trofeo regionale: “Non amo vantarmi dei successi precedenti, comunque sì ho vinto la Coppa Lombardia già in altre occasioni, ed è una fortissima emozione arrivare fino in fondo. Rispetto alle altre esperienze che ho vissuto, c’è un filo conduttore che ho ritrovato anche quest’anno a Melzo: tutti, dal mister ai compagni alla società, abbiamo fame di vittorie. È un’ottima base”.

“Nessuno ci regalerà niente, non faccio calcoli particolari in questa fase a gironi – prosegue Grossi -. Dobbiamo prepararci, partita dopo partita, come se dovessi giocare ogni volta una finale. La squadra è giovane ma con gli attributi per poter fare bene”.

Melzo che ha iniziato a lavorare da poco assieme sotto gli ordini di mister Milazzo, e Grossi ha tratto questo pensiero dopo una settimana: “Le mie sensazioni sono di serenità, nonostante i due infortuni che abbiamo patito in pre-campionato. Ma garantisco io che chi giocherà si farà trovare pronto. Sono e siamo vicinissimi ai nostri compagni infortunati, e li aspettiamo il prima possibile perché tutti insieme e con umiltà possiamo competere su tutti i fronti”.

INTERVISTE – Umiltà Grossi: “La squadra viene sempre prima di tutto. Punto di riferimento? Lo saranno i giovani”

Tonino Grossi non è uno a cui piace molto parlare di sè, preferisce che lo faccia il campo da calcio che calca da tantissimi anni e che siano gli altri a giudicarlo per quello che dimostra ogni domenica in partita.

Certo, i numeri già parlano molto per l’esperto attaccante classe 1983: ha sempre segnato gol pesanti, vedi i 56 gol complessivi con le maglie di Cantalupo, Atletico Liscate ed Albignano, per esempio, dove poi ha vinto il campionato.

Ma Grossi ha sempre mantenuto l’umiltà che lo contraddistingue, da calciatore ed uomo: “Nel calcio non si vince con l’IO, ma con il NOI. Se mi sentirò un punto di riferimento l’anno prossimo a Melzo? No, non credo. Anzi saranno i giovani ad esserlo per me”.

I successi del passato per il centravanti biancazzurro sono, appunto, ormai del passato: “Quelle vittorie, quelle reti pesanti segnate, non sono solo merito mio. È sempre stata la squadra che mi ha permesso di rendere al meglio”.

Grossi è un uomo felice fuori dal campo (“Sono un padre di famiglia che ama i suoi figli. Il lockdown è stata l’occasione per passare più tempo insieme”) e che ha accettato di tornare a Melzo dopo la brevissima parentesi dell’anno scorso: “Mi sono bastati dieci minuti di confronto con mister Milazzo per decidere. Non chiedevo altro”.

Melzo che riparte con un nuovo corso societario ed una squadra profondamente rinnovata che però ha voglia di lottare per qualcosa di davvero importante: “Nessun proclamo in questo momento – chiude l’intervista Grossi -. Riparliamone a giugno quando vedrò i giovani, il mister, lo staff tecnico, i dirigenti ed anche l’ufficio stampa godere. Per adesso testa bassa e lavorare”.

PRIMA SQUADRA – Cattaneo e Grossi sono del Melzo

Il lavoro di rafforzamento della prima squadra prosegue senza sosta nella sede biancazzurra, con un altro paio di nomi importanti. Dopo i successi ottenuti in Ausonia, Pro Sesto e la splendida ed inattesa stagione alla Pergolettese, mister Massimo Milazzo, quest’anno impegnato anche nel ruolo di Direttore Generale, sta lavorando senza sosta per grandi colpi di mercato.

Benvenuto nella famiglia Unione Sportiva Melzo 1908 al centrocampista Jonathan Cattaneo (classe 1996) un elemento da campionato di Eccellenza che la scorsa stagione ha militato nel Cologno, e che ha accettato di scendere di categoria per sposare il nostro nuovo progetto.

Tonino Grossi invece è un graditissimo ritorno (che ha il crisma della conferma) per la società: esperto attaccante classe 1983, “Totò” in carriera ha sempre marcato pesantemente il suo contributo sotto porta come lo dimostrano, su tutti, gli score con A.C. Cantalupo (13 gol), Atletico Liscate (22) ed Albignano (21), squadre con cui ha vinto poi il campionato. La scorsa stagione Grossi aveva iniziato proprio in maglia Melzo la Terza Categoria, con una media incredibile di una rete a partita prima dell’interruzione del rapporto.

Il dg Milazzo prosegue il suo lavoro di rafforzamento della rosa senza sosta, pronto nei prossimi giorni ad annunciare ulteriori innesti.